A Como dal 4 al 27 novembre

Lighting Design Festival

Fondazione Alessandro Volta per la promozione dell’Università, della ricerca scientifica e dell’alta formazione, promuove, insieme al Comune di Como e al Festival della Luce e con il patrocinio di alcuni importanti enti, la prima edizione di 8208 Lighting Design Festival, un evento dedicato all’arte contemporanea che coinvolge artisti, designer, università e professionisti internazionali.

L'asteroide dedicato a Volta

8208

Con il nome dell’asteroide che è stato dedicato a Volta insieme a un cratere della Luna, il Lighting Design Festival attraversa Como con la magia e lo stupore della luce, con il compito ambizioso di muoversi fuori dai confini canonici dell’arte, dei musei e delle gallerie, per inserirsi nello spazio pubblico e nell’ambiente urbano.

Installazioni

Cinque installazioni di light designers internazionali coinvolgono gli osservatori in una nuova visione dello spazio notturno urbano.

>

Eventi

Concerti, perfomance, spettacoli, legati al tema della luce e della elettronica, animeranno alcune serate del festival.

>

Workshop

Appuntamenti teorici e pratici dedicati a chi è interessato a conoscere punti di incontro tra arte contemporanea e innovazione digitale.

>

Talk

Una serie di tavole rotonde promuove l’interazione tra pubblico e artisti per riflettere sulle nuove connessioni tra luce, arte e tecnologia.

>

Mostre

Nove artisti si misurano in rapporto con l’immaterialità della luce attraverso opere di architettura, scultura e fotografia.

>

Artisti

Un gran numero di light designers, musicisti e laboratori creativi, esprimono una nuova visione dell’arte attraverso l’uso della luce.

>
Le nuove connessioni

Arte e tecnologia

Nel corso degli ultimi decenni, si è sviluppato un complesso corpo di lavori nell’intersezione tra arte, scienza e tecnologia. Con la crescente accessibilità delle nuove tecnologie e lo sviluppo della cultura digitale, questa ricerca è esplosa, conquistando una numerosa massa di artisti.

L’accento sulla tecnologia vuole sottolineare il ruolo innovativo che questa svolge oggi nei confronti della creazione artistica, in un campo di espressione che sta tra il visivo, il sonoro e il corporeo.

Come un enso

La luce

Da sempre il mistero della luce attraversa il confine tra l’arte e le scienze abbracciando un ampio spettro di discipline, dall’ottica alla fisica, dalla filosofia alla pittura. Solo la luce può darci la possibilità di modificare la nostra percezione visiva dello spazio. La luce è il contenuto e la forma.

Nelle installazioni di 8208, luce e ombra convivono in una mutua interazione tra spazio e vuoto, rivelando il paesaggio e la città che ci circonda.